Era il 1935 quando Rosa Bove, appassionata di cucina, aiutata dalla figlia Lena, decise di aprire un piccolo Ristorante nel cuore di Ventimiglia.

La cucina semplice e casalinga del Ristorante “Antonio” attirò da subito i numerosi militari della zona, che si concedevano un pasto rifocillante tra le fatiche della Seconda Guerra Mondiale.

Il figlio Vincenzo Rotondaro, che dopo gli studi rilevò l’attività della mamma, vedeva accrescere giorno per giorno la fama di questo locale e dopo il matrimonio con Tosca, decise di ampliare l’attività.

Insieme ristrutturarono un’antica dimora di famiglia e fondarono, nel 1966, il Ristorante e Albergo “La Riserva di Castel d’Appio” che in pochi anni divenne un punto di riferimento di una clientela d’Elite.

Personalità Importanti (tra tutti citiamo i grandi pittori MordilloDe Chirico e Salvador Dalì) ne apprezzarono la sofisticata cucina a base di pesce e la vista panoramica a picco sul mare, diffondendo la fama del Ristorante “La Riserva” in tutta Europa e Oltreoceano.

“La Riserva” si prestò negli anni come location di Sfilate di ModaBallo delle Debuttanti, e persino un Film (“Charlotte” di Frans Weiss).

La proprietaria Tosca Collacciani

Più recentemente la cucina del Ristorante “La Riserva” è stata protagonista di Programmi Televisioni Nazionali (“Linea Verde” e “La Vita in Diretta” su Rai 1) e Internazionali (N3 GermaniaDiscovery Channel).

Dopo quasi un Secolo dalla sua prima fondazione, l’Hotel e Ristorante “La Riserva di Castel d’Appio”, gestito sempre con passione dalla stessa famiglia, è ancora oggi un simbolo vivente, e la sua cucina citata in tutte le più famose guide del Mondo.